Home / Articoli / Soledonne: sei atti unici

Soledonne: sei atti unici

Soledonne: sei atti unici

Dal 15 al 17 novembre – Teatro Duse

 

Soledonne - Sara Colangeli donne Soledonne: sei atti unici sole donne A5 flyer ottobre 212x300
Soledonne – Sara Colangeli

Dopo gli applausi della scorsa stagione torna sul palco il testo di Fabrizio Ansaldo. Dal 15 al 17 novembre al Teatro Duse di Roma è in scena Soledonne sei atti unici diretti dallo stesso autore, che vedono protagoniste Annachiara Mantovani, Alessia Fabiani, Diana Forlani e Cristina Frioni.

Amanda, Il cerbiatto o la vendetta del Demone, Ricordati, La voliera, Il biglietto e Mascia Reese – la signora degli scarafaggi: questi i titoli dei sei racconti che verranno messi in scena.

Sei atti unici che sviscerano l’animo delle donne, sei vite diverse ma accomunate dal loro “essere sole”. Personaggi al femminile raccontate con eleganza da un uomo. “Ho voluto raccontare le donne non come le vedo ma come le sento”, afferma Ansaldo e quello che emerge sono donne forti, a tratti fragili, mai vittime. Personaggi che portano dentro un senso di colpa, voglia di vendetta, potere o storie di tradimento. A differenza di quello che spesso capita di vedere, in una società che ha l’obbligo di difendere le donne sempre più spesso vittime di maltrattamenti, le donne di Ansaldo sono carnefici di uomini, mai vittime se non delle loro follie.

Amanda è stato Premio Fersen nel 2007. Nella memoria di una donna il racconto della sua vita avventurosa costellata di delitti contro chi provava per lei sentimenti umani.

Il cerbiatto o la vendetta del Demone dove una donna ricca e smaniosa racconta alla sua sarta l’incontro con un giovane conosciuto al mercato.

In Ricordati due donne delle pulizie riordinano la camera di un albergo dove la sera prima è morto un uomo.

Ne La voliera, premiato nel 2005 alla rassegna del Teatro Integrato Internazionale di Roma, racconta la storia di una donna che minaccia di gettarsi dalla terrazza di un attico per protestare contro il ritorno in vita di un personaggio di una fiction televisiva.

Ne Il Biglietto, che nasce da un’idea di Cristiania Gaggioli, una donna irrompe in un teatro per cercare l’autore di un anonimo biglietto d’amore.

Infine, in Mascia Reese – La signora degli scarafaggi, liberamente ispirato al racconto “The roaches” di Thomas M. Disch, racconta una città in fermento per i moti di protesta giovanili, il raduno musicale di Woodstock e la guerra del Vietnam.  Siamo nel 1969 e una giovane donna americana si trasferisce a New York per cercare lavoro.

Donne che raccontano storie di donne ai limiti, che hanno commesso crimini, veri o presunti, ma che raccontano anche emozioni, affetti, sentimenti e limiti umani.

Soledonne - Sara Colangeli donne Soledonne: sei atti unici ALESSIA FABIANI 300x169
Soledonne – Sara Colangeli

Parola al regista Fabrizio Ansaldo – “Amanda, Cloe, Marta, Mascia, e le altre. Amanda uccide chiunque nutra per lei sentimenti terreni. Cloe si vendica di un giovane conosciuto al mercato che si rifiuta di baciarla. Due donne delle pulizie si affrontano nella camera di un albergo, dove un uomo è morto d’infarto. Marta, indignata per la risurrezione di un personaggio di una fiction, minaccia di gettarsi dalla terrazza di un attico. Una donna irrompe in un teatro nella disperata ricerca dell’autore di un anonimo biglietto d’amore. Mascia, nella New York degli anni sessanta, lotta contro gli scarafaggi che le hanno invaso la casa. Queste donne hanno commesso crimini veri o presunti.

L’immaginazione, la vendetta, i sensi di colpa, il tradimento, il potere, la vanità, il risentimento, l’America, la follia, sono i temi che caratterizzano questi personaggi. Elementi chiave per comprendere queste donne senza uomini e senza figli. SoleDonne è il canto, il soliloquio, di donne ai limiti. È dove non vorremmo trovarci o essere. Ma è dove invece ci troviamo e di cui siamo fatti: emozioni, sentimenti e amore assoluto.”

 

 

SOLEDONNE

Sei atti unici, scritti e diretti da Fabrizio Ansaldo

Con Annachiara Mantovani, Alessia Fabiani, Diana Forlani e Cristina Frioni

Luci: Daniele Di Nezza

Realizzazione grafica: Scriptaimago S.r.l.

Ufficio stampa: Rocchina Ceglia

Dal 15 al 17 novembre 2019

Venerdì 15 e Sabato 16 ore 21:00

Domenica ore 18:00

TEATRO DUSE

Via Crema 8

Info [email protected] Tel 0670305976 – mobile: 340.6485291

Iscrizione socio obbligatoria: dal sito http://duseteatro.com/

Oppure, presentando la tessera sanitaria al botteghino

Biglietti 13€ + 2€ (tessera associativa)

Ridotti 10€ + 2€ (tessera associativa)

È consigliata la prenotazione

About Sara Colangeli

Check Also

Mummy mummy Mummy MUMMY 1 310x165

Mummy

Mummy Dal 16 al 18 dicembre – Teatro de’ Servi    “L’equilibrio tranquillizza, ma la …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.