Home / Articoli / Salta che ti passa – la recensione

Salta che ti passa – la recensione

Salta che ti passa

La recensione

 

“Who cares if one more light goes out? Well, I do”.

“A chi importa se un’altra luce si spegne? Beh, a me importa”.

 

Salta che ti passa salta che ti passa Salta che ti passa – la recensione Locandina Salta che ti passa 225x300
Salta che ti passa

È ancora fissa nella memoria di molti rockers la vicenda della ragazza che salvò l’uomo sconosciuto da un tentativo di suicidio, recitando le parole di One More Light dei Linkin Park, ad Orlando in Florida.

Ecco sconosciuto è la parola base di questa vicenda. Perché in Salta che ti passa si raccontano quattro vite diverse che si incontrano in un momento delicato della propria vita. Per i motivi più disparati tra loro i quattro personaggi, interpretati da Fabrizio Catarci, Dario Biancone, Giulia Morgani e Nicole Mastroiannifonico, si ritrovano sul tetto di La casa dei suicidi, il nome del palazzo è dato dal fatto che in molti da lì si pongono fine alla propria vita, la notte di capodanno. Tutti con lo stesso obiettivo: suicidarsi.

All’apparenza, può sembrare una storia drammatica, tendente al lugubre, in realtà Salta che ti passa è una commedia divertente ed esilarante. Dove ci sono si dei momenti di introspezione che rallentano a tratti il ritmo comico, il più delle volte si ride. Un uomo con una carriera distrutta, un’adolescente incinta, una ragazza con il peso del nome di famiglia e uno scrittore poco talentuoso hanno tutti la stessa idea: porre fine alla loro vita. Il destino ci mette lo zampino e li fa incontrare sul tetto di questo palazzo.

Da lì le vite di tutti e quattro cambiano rotta immediatamente. Perché seppur con caratteri diversi, con attitudini diverse e in una fase della vita diversa, i quattro personaggi si ritrovano a fare quello che ormai non fa più nessuno: parlare ed ascoltare. Con la scusa di fare dei video-addio, vengono fuori le storie personali nelle quali lo spettatore può riconoscersi con facilità, qui la bravura degli attori. Dialoghi simpatici, ma profondi scritti con l’intento di comunicare un significato particolare e specifico: stare insieme va oltre quello che sono i caratteri. L’essere ascoltati e compresi, porterà poi i ragazzi a vivere un destino diverso.

 

SALTA CHE TI PASSA

Di Dario Biancone

Regia di Fabrizio Catarci

Con Fabrizio Catarci, Dario Biancone, Giulia Morgani,Nicole Mastroiannifonico: Valentina Tau Galdi

Grafico Orlando Mariani

Sconografo Luciano Nestola

Prodotto da Andrea Leone

Teatro Petrolini 

About Sara Colangeli

Check Also

Mummy mummy Mummy MUMMY 1 310x165

Mummy

Mummy Dal 16 al 18 dicembre – Teatro de’ Servi    “L’equilibrio tranquillizza, ma la …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.